Pubblicato da: la Legionaria | 16 febbraio 2009

Domani è un altro giorno (II)

Broken heart

Se ne stava lì. Sul letto. Col Macbook aperto ed un file intonso intitolato “Piano di Fuga”.

Se ne stava lì in maglietta e aveva pure freddo, la furba, ma di risolversi ad agguantare una felpa non se ne parlava proprio. Non si muoveva, “fuori”. Era lì come imbalsamata mentre dentro ribolliva. A guardarla distrattamente si sarebbe potuto pensare che fosse sul punto di tracimare chissà quali segreti.

Si, ciao.

Fossero stati, appunto,  “chissà quali segreti”, beh, la situazione avrebbe avuto indubbiamente un suo appeal. Fossero state Idee Memorabili, quelle in ebollizione interna, fossero stati Incipit Profondi di Futuri Libri e/o Racconti e/o Arguti Saggi del genere “Come Riprendersi Da una Relazione Andata A Puttane E Vivere Felici”, nessuno avrebbe avuto niente da ridire. Anzi. Bello il contrasto inattività esterna/ribollimento interiore.

Invece la Furba se ne stava lì come un’ebete a gelare consumando le pile del Macbook col cavolo di foglio di testo bianco davanti (intitolato inutilmente “Piano di Fuga”) ed il suo tempestoso dibattito interiore si dipanava attorno a siffatti Centri Nevralgici di Intelligenza Superiore: magari-apro-Facebook-e-cambio-lo-stato-da-relazione-complicata-a-single, no-se-no-dopo-mi-fanno-domande-e-commenti, allora-lo-scrivo-sul-blog-che-è-anonimo, no-che-qualcuno-comunque-mi-conosce, allora-organizzo-un-viaggio, ma-se-poi-le-cose-si-sistemano?, eccetera eccetera. Laddove per “eccetera eccetera” si intendono considerazioni di elevato spessore spirituale concernenti il rimorchio tramite Meetic o similari, l’acquisto di un cane (COCKER! La scema!), il prenotare un trekking con Avventure nel Mondo (no comment) più altri miserevoli particolari di consistenza teenageriana (“sarebbe meglio che piangessi e mi sfogassi o ho già pianto abbastanza?” Ma non mi fate continuare, per carità).

Non si può, non si può. Se arrivi a 37 anni suonati con un matrimonio alle spalle, due anni di psicoterapia, ed il prodotto dei tuoi neuroni è questo, vuol dire che ti meriti o di andare al Grande Fratello, o che vada A Puttane la Relazione di cui al titolo del saggio che NON scriverai mai.

Annunci

Responses

  1. First blog I read after wakeup from sleep today!

    —————————-
    #1 Top Search Engine – Google

  2. ASPETTO E NON MI VEDONO MA GLI ALTRI MI SENTONO ,MA NON CHI VORREI, DUNQUE RICAPITOLANDO è COSì MA PUTTANA TROIA PERCHè SON MORTO A CASA. NON SI PUò LO DICONO LORO.MA MI HAN SENTITO E DUNQUE MI HAI CAPITO FRATELLO CHI HA ORECCHI PER INTENDERE INTENDA MA POI MUORIAMO NOI COME LA METTIAMO?? CI VEDIAMO IN SALA TECNO!

    TUO FRATELLO MAX…..


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: